Capena, Centro Aggregazione Giovanile: SEL deposita in Comune 250 firme e bando regionale per il finanziamento

:sel capena giovani

Dal sito di Sel Capena

Questa mattina il Circolo SEL Capena ha inviato al Comune di Capena una lettera (numero di protocollo 0011359 del 21/06/2013), indirizzata all’Assessore alle politiche giovanili Roberto Barbetti ed al Presidente del Consiglio comunale dei giovani Simone Giallonardo, relativa alla proposta per la realizzazione, a Capena, di un Centro di Aggregazione Giovanile (CAG).

In allegato alla lettera, sono state depositate le 250 firme che SEL Capena ha raccolto in calce alla propria petizione per la realizzazione del CAG ed inoltre è stato consegnato il bando regionale, pubblicato qualche giorno fa, con cui la Regione Lazio concede finanziamenti fino a 60.000 euro per il sostegno delle comunità giovanili sul territorio.

E’ ora possibile porre fine al vero e proprio “deserto” di spazi e strutture dedicate ai giovani nel nostro paese, come 250 cittadini capenati (che ringraziamo per aver firmato la petizione) hanno chiesto. SEL Capena resta a disposizione dell’Amministrazione comunale e chiede all’Assessore e al Presidente del Consiglio comunale dei giovani di convocare una riunione urgente per la predisposizione del progetto da inviare alla Regione Lazio entro i termini del bando, che scadranno il prossimo 1 luglio.

Di seguito il testo della lettera inviata oggi al Comune.
URGENTE

Capena, 20 giugno 2013

A: Comune di Capena

c.a. Assessore alle Politiche Giovanili
Dott. Roberto Barbetti

Presidente Consiglio comunale
dei Giovani
Simone Giallonardo

Oggetto: Petizione su Centro di Aggregazione Giovanile – Bando regionale di finanziamento – Scadenza 30 giugno 2013
Gentile Assessore, egregio Presidente,
come forse saprete, da alcuni mesi il Circolo SEL di Capena ha avviato una raccolta di firme per la realizzazione di un Centro di Aggregazione Giovanile (CAG) a Capena, individuando come possibile luogo adatto per la sua realizzazione la Sala Gregorini, al fine di dare una prima risposta alla cronica assenza di spazi per i giovani che contraddistingue il nostro paese.

Ora, con il fine di rappresentare anche una forma di possibile finanziamento del progetto, si segnala altresì che la Regione Lazio ha appena pubblicato il consueto Avviso per la concessione dei finanziamenti previsti dall’art. 82 della l.r. 6/1999 per il sostegno delle “comunità giovanili, quali strumenti di crescita culturale e sociale della popolazione giovanile, riconoscendo alle stesse il ruolo di promozione e di integrazione sociale”.

Il relativo bando scade il 30 giugno p.v. e prevede in sostanza tre linee di intervento: oltre al finanziamento diretto delle comunità giovanili (allegato B2, pari a massimo il 40% dell’intero stanziamento) e alla concessione in uso gratuito di immobili regionali condizionata al loro autorecupero (allegato B3), si prevede anche la copertura massima dell’80% delle spese per progetti a favore di giovani tra i 14 ed i 35 anni di età (allegato B1).

Tra questi ultimi, il bando comprende anche “interventi di recupero, riadattamento e sistemazione di edifici e strutture pubbliche e private, da destinarsi a sede di comunità giovanili” o comunque al perseguimento degli obiettivi di “organizzazione della vita associativa come esperienza comunitaria”, di “educazione all’impegno sociale, civile, alla partecipazione e alle conoscenze culturali”, di “svolgimento di attività sportive, ricreative, didattiche, ambientali, culturali, turistiche, agricole, artigianali, artistiche e di formazione professionale”.

Riteniamo che si tratti di un’ottima occasione per la realizzazione del CAG presso la Sala Gregorini o altro locale ritenuto idoneo (fu, se non sbagliamo, proprio l’Amministrazione Barbetti a realizzare, alcuni anni or sono, un progetto simile presso i locali dell’Università agraria), anche in considerazione della presenza sul territorio di comunità giovanili ormai consolidate, come il Movimento I ragazzi di oggi – Gli uomini di domani o l’Associazione Luca Righi o altre, che potrebbero utilmente essere coinvolte nel progetto.

Al fine di promuovere il progetto del CAG e, comunque, una partecipazione del Comune di Capena al suddetto bando, Le alleghiamo pertanto:
• la petizione con le 250 firme di cittadini di Capena raccolte in calce;
• copia dell’avviso pubblico regionale con i relativi allegati e modelli di domanda.

Visti i tempi stretti del procedimento, Vi invitiamo a convocare quanto prima una riunione congiunta – alla quale, se lo riterrete opportuno, siamo ovviamente disponibili a partecipare – con il fine di verificare la fattibilità ed i termini della partecipazione al bando regionale.

Con l’invito a volerci tenere informati sugli esiti della petizione e di questa richiesta, Vi auguriamo buon lavoro e Vi salutiamo cordialmente.
FIRMA
Per il Circolo SEL di Capena
la Coordinatrice Santa Rossi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...